Home » News » Efficienza energetica, gli USA sono Energy Star

Efficienza energetica, gli USA sono Energy Star

Il governo americano potenzia il suo programma energetico, premiando i prodotti più efficienti sul mercato con un'etichetta che orienta le scelte dei consumatori

Vi serve una lavatrice, un’aspirapolvere o un banalissimo asciugacapelli? In questi tempi di crisi noi consumatori siamo molto attenti al portafoglio: d’altronde si sa, risparmiare è importante. Ma pagare meno un prodotto non sempre equivale a un reale risparmio nel tempo: gli apparecchi più datati consumano di più rispetto agli ultimi arrivi, e la bolletta diventa sempre più salata.

D’altronde noi italiani siamo abitudinari e un po’ lenti a lasciarci conquistare dalle novità: ma se l’efficienza energetica ci viene presentata sotto una luce favorevole, siamo pronti a modificare il nostro comportamento di consumatori. Risparmio energetico significa risparmio economico: è su questo che si deve puntare per orientare le scelte dei cittadini.

E ne è consapevole l’Unione Europea, che ha introdotto il programma Energy Star per l’efficientamento delle apparecchiature da ufficio: una serie di iniziative e informazioni rivolte a imprenditori e manager, per aiutarli ad acquistare i prodotti più convenienti per la loro attività.

Il buon esempio ci viene dagli USA, che per primi hanno implementato il programma Energy Star sin dal 1992, per promuovere la produzione e la diffusione di dispositivi a basso consumo di elettricità. Ma il governo americano non si è certo fermato qui: come raccapezzarsi tra migliaia di frigoriferi, condizionatori e forni a microonde dalle mille funzionalità diverse e tutti di prezzi differenti?

Gli USA hanno deciso di premiare i primi della classe, cioè i prodotti che assicurano il maggior risparmio energetico, con l’etichetta “most efficient”: un riconoscimento importante con una doppia funzione. Da una parte, spingere i produttori a perseguire la virtuosa strada dell’efficienza energetica, fabbricando prodotti tecnologicamente più avanzati e di migliore qualità. Dall’altra, fornire ai consumatori tutte le informazioni necessarie per metterli in condizione di fare acquisti più consapevoli e spendere meglio il proprio denaro.

Una scelta strategica di grande successo, perchè gli americani sono molto attenti al risparmio in bolletta a lungo termine, e hanno quindi imparato presto la lezione sull’efficienza energetica. L’etichetta most efficient premierà circa il 5% degli elettrodomestici in vendita, ma l’amministrazione USA prevede che entro il 2012 il programma Energy Star conquisterà nuovi segmenti di mercato, per incoraggiare sempre di più l’acquisto di prodotti efficienti: smart, vero?

fonte immagine | tomshw.it

Scrivi un commento.

Scrivi un commento