Home » La Sicurezza Pubblica » Vehicle to Vehicle, le automobili comunicano tra loro

Vehicle to Vehicle, le automobili comunicano tra loro

In arrivo dalla General Motors un sistema integrato che permetterà ai veicoli di parlarsi, rilevando posizione, distanza e velocità. Un valido aiuto per ridurre gli incidenti causati da errore umano

Fino ad oggi, l’uomo ha sognato di parlare con la propria automobile, fedele compagna di viaggio e testimone di gioie e malumori di ogni giorno. Purtroppo non molti sono riusciti nell’intento, a parte il protagonista del mitico telefilm Supercar, che aveva il privilegio di contare su una macchina umana e parlante!

Ma se una serie Tv non può diventare realtà, gli esseri umani possono di certo inventarsi qualcosa di ugualmente rivoluzionario: saranno le automobili a comunicare tra di loro, evitando ai loro conducenti sinistri e incidenti più o meno gravi. Ci sta pensando la General Motors, che si prepara a portare sul mercato nel 2015 l’innovativo sistema Vehicle to Vehicle: grazie a uno speciale software installato sulle vetture, i mezzi saranno in grado di condividere tra di loro informazioni circa la posizione, la velocità a cui viaggiano e altri preziosi dati, che contribuiranno ad abbassare i rischi legati alla circolazione stradale.

Proprio come l’ormai collaudato sistema peer to peer, che permette a due computer di condividere file e documenti in rete, il v2v si basa su un sistema di comunicazione da remoto: il software avvisa il veicolo della presenza di un altro veicolo fuori dal campo visivo del conducente o, per esempio, della sosta di una macchina in un punto in cui è difficle o impossibile vederla.

Come funziona tecnicamente? I mezzi v2v sono dotati di sistemi GPS e moduli wireless LAN che si mettono in contatto tra loro a qualche centinaio di metri di distanza, rilevando reciprocamente posizione, velocità, accelerazione e direzione di marcia. Vi state chiedendo a che cosa serve tutto questo? La General Motors si è avvalsa di ricerche statunitensi e australiane che hanno confermato che una grande parte, se non addirittura la maggioranza degli incidenti stradali, avviene per errore umano: un software di questo tipo metterà in guardia gli automobilisti, avvertendoli anticipatamente di possibili ostacoli o pericoli.

Si prevede che gli incidenti potrebbero diminuire dal 35% sino all’80%, secondo le migliori stime. Ottimista è la visione di Mike Hammer, ingegnere della GM che ha presentato recentemente il progetto: “Per il momento questi sistemi avanzati si trovano solo sui veicoli più costosi, ma è una situazione destinata a cambiare, perchè la vera bellezza del v2v è che è economico: entro una decina d’anni verrà utilizzato su tutte le auto e non solo. Persino i ciclisti potranno portare un trasmettitore con sè. E le strade saranno davvero più sicure per tutti”.

fonte immagine | thecarconnection.com

Scrivi un commento.

Scrivi un commento