Home » Migliorare i trasporti » Hybus, l’autobus rigenerato firmato Pininfarina

Hybus, l’autobus rigenerato firmato Pininfarina

Hybus è il primo autobus convertito a motore elettrico vincitore del Premio Innovazione amica dell’ambiente di Legambiente

Durante l’ultima edizione deò Mobility Tech, il forum internazionale dedicato all’Innovazione Tecnologica per lo Sviluppo della Mobilità e del Trasporto, sono state presentate alcune importanti novità del settore. Tra queste ha destato interesse e curiosità Hybus, il primo autobus equipaggiato con un motore ibrido ed ecologico, progettato da Pininfarina, vincitore del Premio Innovazione amica dell’ambiente di Legambiente.

Novità: Xam, un urban vehicle ibrido tutto italiano

Lo scopo è quello di riconvertire mezzi di trasporto pubblici con motori 0-1-2 in veicoli con motorizzazione ibrido seriale. Ancora a livello di test, il progetto si propone di collaudare la tecnologia e verificare la realizzazione a livello industriale. L’intento del progetto di riconversione è duplice: ridurre le emissioni inquinanti e far risparmiare fondi pubblici alle aziende municipali che investono nel parco mezzi.

L’autobus ecologico, progettato e realizzato dal Centro Design e Engineering Pininfarina di Cambiano (TO), si presenta innovativo e “amico” dell’ambiente: permette di risparmiare sui costi fino al 60% ed evita il problema dello smaltimento del vecchio mezzo, dando la possibilità di riutilizzare lo stesso veicolo, semplicemente cambiandone la motorizzazione.

Per saperne di più: Cina, la flotta di autobus elettrici più grande del mondo

Hybus è dotato di un motore un’unità di generazione energia euro 5, 3.1 Multijet a 92 CV che assiste la trazione elettrica la ricarica della batteria ed i servizi idraulici e pneumatici. La batteria del veicolo è agli ioni di litio e, grazie alla collaborazione del centro di design che ne implementa le funzionalità insieme a partner industriali, il veicolo recupera energia in frenata.

fonte immagine | pininfarina.it

Scrivi un commento.

Scrivi un commento